Categorie
Anni 2010

Ip Man 2 – Remake orientale di Rocky 4

Identici cast e team di produzione del primo film, questa volta Sammo Hung non solo è action director ma anche attore coprotagonista. Sicuramente spettacolari e divertenti tutte le sequenze di combattimento ma riesce a coinvolgere molto poco, probabilmente perché sembra di vedere il remake orientale abbastanza scontato di Rocky IV, i personaggi sono praticamente fotocopiati. 2010. Cina. Regia di Wilson Yip, con Donnie Yen, Lynn Hung, Sammo Hung, Darren Shahlavi

Categorie
Anni 2010

Man of Tai Chi – Keanu Reeves si fa regista

Keanu Reeves a 49 anni sente la necessità di fare film di botte, ci prova con questo Man of Tai Chi, di cui è anche regista. Chiama il maestro Yuen Woo Ping a dirigere i combattimenti e mette come protagonista lo stunt-man Tiger Hu Chen che aveva conosciuto sul set di Matrix. Il risultato però è parecchio deludente, belli i combattimenti ma tutto il resto è noia. Consigliato solo per gli appassionati.

2013. USA. Regia di Keanu Reeves, con Tiger Hu Chen e Keanu Reeves. Budget di 25 milioni, incasso di 5 milioni.

Categorie
Anni 2010

The Predator

2018. Di Shane Black, con Boyd Holbrook, Casey Bracket, Jacob Tremblay, Trevante Rhodes, Sterling K. Brown, Thomas Jane, Alfie Allen. Budget 88 milioni, incasso 160 milioni. Shane Black, già protagonista nel primo film, questa volta si dedica a regia e sceneggiatura con l’intento di portare nuova originalità rispetto ai precedenti, ma in realtà oltre alle divertenti scene d’azione e la simpatia dello strano gruppo di protagonisti, il risultato è abbastanza scarso. Consigliato solo per gli appassionati.

Categorie
Anni 2010

Predators

2010. USA. Di Nimród Antal, con Adrien Brody, Alice Braga, Topher Grace, Walton Goggins, Oleg Taktarov, Mahershala Ali, Danny Trejo, Laurence Fishburne. Budget 40 milioni, incasso 120 milioni. Prodotto da Robert Rodriguez, ritorna il tema della giungla ma questa volta non sul pianeta Terra. Sicuramente divertente per le scene d’azione ma molto povero per quanto riguarda personaggi e trama con l’inserimento di diversi colpi di scena abbastanza inutili e scontati. Comparsata di Laurence Fishburne e Danny Trejo. Consigliato solo agli appassionati.

Categorie
Anni 2010

Kingsman: il cerchio d’oro

Continua l’ambizioso progetto di spionaggio d’azione comico. Grande ritorno di Colin Firth, ottima la cattiva Julianne Moore, Sprecatissima Halle Barry, inutili gli Statesmen Channing Tatum, Jeff Bridges e Pedro Pascal. Vale la pena solo per le scene d’azione e soprattuto per l’epica e indimenticabile partecipazione di Elton John. Terzo capitolo nel 2022 con regia e cast completamente diversi.

2017. Regno Unito. Di Matthew Vaughn, con Colin Firth, Taron Egerton, Mark Strong, Halle Barry, Julianne Moore, Channing Tatum, Pedro Pascal, Jeff Bridges, Elton John. Budget 100 milioni, incasso 400 milioni.

Categorie
Anni 2010

Kingsman

Imperdibile e indimenticabile il premio Oscar Colin Firth che ammazza tutti sulle note di Free Bird. Bellissime le teste che esplodono con fumi colorati. Ottimi come sempre Samuel L Jackson e Michael Caine. Grande performance della ballerina Sofia Boutella. Inaspettata comparsata di Mark Hamill. Abbastanza inutile invece Taron Egerton. No comment sulla scena finale con la principessa svedese.

2014. Regno Unito. Di Metthew Vaughn, con Taron Egerton, Samuel L Jackson, Micheal Caine, Sofia Boutella, Mark Hamill.

Categorie
Anni 2010

Mission: Impossible 6 – un remake del precedente

2018. USA. Regia di Christopher McQuarrie, con Tom Cruise, Henry Cavill, Simon Pegg, Rebecca Ferguson, Ving Rhames, Sean Harris, Michelle Monaghan, Alec Baldwin, Vanessa Kirby. Budget 178 milioni, incasso 791 milioni. Nonostante gli ottimi incassi, non è altro che un remake del precedente, non aggiunge nulla di nuovo. Le uniche novità l’inserimento di Henry Cavill (per sostituire Jeremy Renner?) e la ricomparsa dell’ex moglie di Ethan. Divertente la rissa nel bagno e il combattimento finale estremo.

Categorie
Anni 2010

Hobbs And Shaw

Scene d’azione spettacolari. Imperdibile tutta la sequenza finale di botte con The Rock che combatte a petto nudo con i fratelli samoani e il famoso “trenino-di-auto-VS-elicottero-in-volo”. Bellissima Vanessa Kirby. Divertente la coppia Statham-TheRock che mi ricorda un americanizzazione di Bud & Terence (Statham furbo e veloce The Rock ingenuo ma con una forza sovraumana). Kevin Hart e Ryan Reynolds completamente inutili, messi lì solo per allungare il brodo con tante chiacchiere. L’amore Kirby-The Rock assolutamente fuori luogo. Film molto criticato dalla “famiglia” di fast & furious che se l’è presa con The Rock perchè ha fatto rimandare il nono capitolo della saga per poter realizzare questo spin-off.

2019. USA. Regia di David Leitch, con Dwayne Johnson, Jason Statham, Vanessa Kirby, Idris Elba, Helen Mirren, Ryan Reynolds, Kevin Hart, Cliff Curtis. Budget 200 milioni, incasso 750 milioni.

Categorie
Anni 2010

Mission: Impossible 5 – Tom Cruise attaccato a un aereo in volo

2015. USA. Regia di Christopher McQuarrie, con Tom Cruise, Jeremy Renner, Simon Pegg, Ving Rhames, Rebecca Ferguson, Alec Baldwin, Sean Harris. Budget 150 milioni, incasso 682 milioni. Entra nel mondo di Mission Impossible Christopher McQuarrie, quello che nel 1997 vinse l’Oscar per la sceneggiatura de I soliti sospetti, e che pare andare molto d’accorodo con Cruise (vedi Jack Reacher e altri) tanto che dirigerà anche il sesto, settimo e ottavo capitolo della saga. Epica la scena iniziale con Tom Cruise attaccato all’aereo in volo, tributo a Octopussy del 1985 con Roger Moore prima dello scontro con Kabir Bedi. imperdibile l’inseguimento auto-moto a Casablanca.

Categorie
Anni 2010

Mission: Impossible 4 – senza Ving Rhames

2011. Regia di brad Bird, con Tom Cruise, Jeremy Renner, Paula Patton, Simon Pegg e Michael Nyqvist, Josh Holloway. Musiche di Michael Giacchino. Budget 145 milioni, incasso 695 milioni. Viene forzatamente cancellata la storia d’amore di Ethan del terzo capitolo, e il protagonista torna ad essere l’eroe solitario pronto a tutto per salvare l’umanità. Divertente La scena iniziale nel Cremlino e quella della scalata del grattacielo, Manca il simpatico Ving Rhames ma lo sostituisce degnamente Simon Pegg.

Categorie
Anni 2010

Everly – Salma Hayek contro tutti

2014. Regia di Joe Lynch, con Salma Hayek. Botte e sparatorie con sangue e violenza in stile Tarantino-Rodriguez, completamente ambientato in un unico appartamento (direi in una sola stanza). Bellissima Salma Hayek. Divertente la strage di meretrici iniziale, il simpatico uomo morto sul divano e il cane banzai.

Categorie
Anni 2010

The Courier – Olga cattivissima

2019. Regno Unito. Regia di Zackary Adler, con Olga Kurylenko, Gary Oldman, Amit Shah.

Trama: Un super boss deve uccidere il testimone chiave di un processo che lo manderà in galera per sempre. Una buona samaritana si trova nel mezzo.

Una sorta di mix tra Die Hard e The Transporter. Ambientato (quasi tutto) in un parcheggio sotterraneo. trama essenziale anche se cerca di creare inutili colpi di scena.

Cose belle: Olga Kurilenko cattivissima che ammazza tutti in modo anche abbastanza splatter. Divertente il coprotagonista Amit Shah. Gary Oldman che fa poco ma quello che fa, lo fa alla grande, soprattutto quando urla.

Cose brutte: inutile la figlia del boss e debole anche il cattivo (non Gary Oldman, quell’altro nel garage).

Categorie
Anni 2010

Sabotage – una lacrima sul viso di Schwarzenegger

2014. USA. Regia di David Ayer, con Arnold Schwarzenegger, Sam Worthington, Olivia Williams, Terence Howard, Josh Holloway

Trama: un gruppo di agenti dell’antidroga tenta di rubare 10 milioni di dollari ma qualcosa va storto.

Per la prima volta nella sua carriera Schwarzenegger cala giù la sua storica “maschera” da eroe d’azione comico e prova un ruolo drammatico. [Se vi piace la lacrimuccia sul suo volto allora guardatevi l’horror-dramma Maggie, uscito in Italia con l’odioso titolo Contagious – epidemia mortale].

Cose belle: bello vedere Arnold in un ruolo drammatico. Epica la scena finale soprattutto per i primi piani di Arnold mentre uccide.

Cose brutte: il taglio di capelli di Arnold. Ad eccezione forse di Lizzy e Breacher gli altri personaggi sono soltanto carne da macello. Inutilmente troppo violento.

Categorie
Anni 2010

Warrior – perché raccontare un dramma familiare con le parole quando puoi farlo con le botte?

2011. USA. Regia di Gavin O’Connor, con Joel Edgerton, Tom Hardy, Nick Nolte, Jennifer Morrison. Budget 25 milioni, incasso 23 milioni.

Trama: due fratelli (e un padre) partecipano al più importante torne di MMA della storia.

“Tutti i Rocky messi insieme”

Nanni Cobretti, i400calci

Cose belle: spettacolare Tom Hardy e ancora di più Nick Nolte (bellissimi loro due in hotel). Il cattivissimo Kobe è interpretato nientepopodimeno che da Kurt Angle. Bellissimi i combattimenti, ma soprattutto l’empatia che si crea intorno ai protagonisti, non facevo il tifo così dai tempi di Rocky.

Cose brutte: nessuna

Categorie
Anni 2010 Commenti brevi

Hanna

Primo e unico film d’azione dell’inglese Joe Wright che propone una specie di Nikita in versione teen. Risultato ben riuscito anche se la trama viene quasi interrotta da un finale troppo veloce, al contrario la storia si apprezza meglio nella più recente serie tv di Amazon. Ottimi i personaggi, bravissima Saoirse Ronan e Cate Blanchett. Bravo anche Eric Bana che non vedevo da quell’Hulk del 2003. Bellissime le musiche dei Chemical Brothers. Brava anche la piccola Jessica Barden (che sarà poi la protagonista di The end of the fucking world).

2011. Regia di Joe Wright, con Saoirse Ronan, Eric Bana, Cate Blanchett. Musiche dei Chemical Brothers. Budget 30 milioni, incasso 65 milioni.