Categorie
Anni '90

Matrix – Quando gli effetti speciali digitali si integrarono perfettamente con le classiche botte di arti marziali

Regia e sceneggiatura di Larry e Andy Wachowski (ora Lana e Lilly), con Keanu Reeves, Laurence Fishburne, Carrie Anne Moss, Hugo Weaving. Stunt-director Yuen Woo Ping. Budget 63 milioni, incasso 464 milioni. Quattro Oscar (montaggio, suono, effetti sonori, effetti speciali). Un sequel diviso in due parti, Matrix Reloaded e Matrix Revolutions.

Trama: In un futuro remoto le macchine hanno creato un mondo virtuale chiamato Matrix per tenere in schivitù la razza umana. Un gruppo di ribelli combatte per la libertà.

Categorie
Anni '90

Taxxi – L’azione leggera di Luc Besson

1998. Regia di Gérard Pirès, con Samy Naceri, Frédéric Diefenthal, Marion Cotillard. Budget 9 milioni, incasso 45 milioni.

Trama: Un tassista e un poliziotto collaborano per catturare una banda di criminali tedeschi.

Dopo aver diretto i tre grandi successi, Nikita, Leon e Il Quinto Elemento, Luc Besson cambia mestiere, lascia il posto da regista ad altri colleghi esordienti francesi, in questo caso Gérard Pirès, e si limita a sceneggiatura e produzione.

Un film breve, semplice e divertente, con zero computer graphica e tutto lavoro di stuntmen. Ottimo successo di pubblico, sommando anche gli incassi dei 3 sequel ha guadagnato in tutto il mondo oltre 200 milioni di dollari, che per un film francese è da record.

Cose belle: La scena d’apertura, scendere dal motorino con una capriola in avanti, le acrobazie folli degli stuntmen, la sparatoria completamente gratuita contro il ministro, i tassisti coreani. Indubbiamente Marion Cotillard. La coppia di protagonisti molto divertente, carini anche i personaggi femminili.

Cose brutte: scene comiche un po’ troppo ingenue

P.S. Qualcuno per caso ha capito perchè in Italia il titolo originale Taxi è diventato Taxxi?

Categorie
Anni '90 Commenti brevi

Leon – Un killer analfabeta e una bambina problematica

1994. Regia e sceneggiatura di Luc Besson, con protagonista Jean Reno, Natalie Portman, Gary Oldman. Incasso totale 46 milioni di dollari con budget di 13 milioni.

Il killer professionista Leon si dovrà prendere cura della piccola Matilda la cui famiglia è stata stermianta da una poliziotto corrotto

Bellissimo film e sembra in realtà una rielaborazione del precedente successo di Besson Nikita (1990), infatti Jean Reno torna a interpretare un killer professionista e Matilda sembra una piccola Nikita.

Cose belle: Il killer professionista Leon sembra un bambino spaventato, mentre la bambina Matilda ha il sangue freddo del vero killer. Le vite di questi personaggi diventano affascinanti proprio nel momento che in cui si incontrano e si intrecciano. Il cattivo interpretato da Gary Oldman, doppiato da Tonino Accolla. Scena finale epica.

Cose brutte: nessuna